. Obiettivi

“UNA CRESCITA INTEGRALE”

Si tratta di un metodo collaudato dal lavoro di generazioni di Maestri Shàolín a favore dei bambini novizi. A parte l’abilità marziale, già inclusa nel sistema di lavoro del Baby Shàolín Kung-fu , ci sono una serie di finalità che interessano la crescita psico-fisiologica e sociale dei bambini.

Baby Shàolín Kung-fu  è un ottimo metodo per favorire la fiducia in sè stessi, stimolando l’equilibrato utilizzo delle proprie energie. I bambini sono molto incoraggiati dai loro stessi successi nel superare prove precedentemente considerate insuperabili. Come risultato di uno sforzo coronato dal successo, c’è il premio dell’autostima e della fiducia in sè stessi. I Maestri Shàolín ripetono spesso queste parole: “La paura è il nemico e la fiducia è l’armatura, fai ciò che devi fare avendo fiducia, non fuggire davanti a niente, così sarai pronto a tutto”. Per aiutare i bambini a superare una difficoltà, si raccontano loro aneddoti e storie dell’oriente di monaci, guerrieri ed eroi che possono rappresentare un modello esemplare da seguire.

Un altro obiettivo del Baby Shàolín Kung-fu è migliorare la concentrazione e l’autocontrollo, favorendo la disciplina interiore. Generalmente i bambini hanno molta energia ma la usano senza trarne il massimo profitto, la dove l’anziano, tende a fare economia ed usare l’energia solo con scopi mirati. La disciplina di Shàolín crea una simbiosi tra la saggezza dell’anziano e l’impetuosa energia del giovane, per questo motivo il rapporto Maestro discepolo è essenziale. A Shàolín il rapporto “Maestro-Discepolo” dura per tutta la vita, ed è contrassegnato dall’autorità di chi insegna e dall’umiltà di chi impara. Questo sistema non conosce né voti né esami, ma solo la sete di conoscenza del discepolo e del desiderio di insegnare del Maestro. A Shàolín chi ha trovato il suo Maestro, e da lui viene scelto, in accordo a criteri caratteriali, lo seguirà per tutta la vita, per apprendere nella quotidianità: l’armonia del corpo e dello spirito, il dominio della materia e i principi fondamentali della vita e della natura. Questa conoscenza è paragonabile al libretto di istruzioni per l’uso di una vettura. Se sappiamo guidare bene un’automobile, questa ci sarà molto utile, ma se non la sappiamo guidare saremo in pericolo prendendo il volante. La saggezza suggerisce prima di tutto l’autocontrollo da cui nasce il silenzio, la concentrazione e infine la scoperta di sè stessi. È bello vedere i bambini che sperimentano i gradini di questa scala, e anche gli adulti sono ispirati dalla loro innocenza, purezza e dalla loro irresistibile tenerezza.


Tra le finalità prospettate dal Baby Shàolín Kung-fu, c’è poi la presa di coscienza del proprio corpo nello spazio e con gli altri, secondo il principio dello Standard Educativo Internazionale Jitakyoei, sintetizzato nell’aforisma: “Io e gli altri insieme in armonia”: è questo l’importante fattore che favorisce il miglioramento della socializzazione attraverso il contatto e il rispetto del prossimo. Una cosa molto importante che il bambino deve imparare, è che il rispetto che esige dagli altri, anche lui lo deve offrire agli altri, come insegnano i Maestri Shàolín: “Ricordati sempre che l’uomo saggio ha rispetto degli altri. Cammina a testa alta ma senza superbia”. Libertà di movimento nel proprio spazio, significa anche rispettare i confini con quello assegnato agli altri, perciò il controllo motorio e sensoriale in genere, diventa un obiettivo a breve termine nel lavoro di coppia. All’inizio è il Maestro, che evidenzia i confini da rispettare, ma gradualmente il bambino imparerà con la disciplina ad autogestirsi appropriatamente. La presa di coscienza del proprio corpo, include anche lo studio dei propri limiti durante gli esercizi presentati in una gradualità d’impegno e difficoltà. Questo è importante, per evitare al bambino di incorrere nell’errore di sopravvalutare le proprie capacità e di farsi male durante gli esercizi. Il rapporto con il compagno, è basato soprattutto sull’imparare ad accettarsi reciprocamente, così come si è, e sull’aiutarsi vicendevolmente a migliorare. Il bambino deve imparare a riconoscere, che i suoi problemi sono quelli di tutti e che la sofferenza che gli altri provano è simile alla sua. Gioire della sofferenza altrui non si addice a persone dal cuore nobile, perciò non bisogna arrecare ai propri compagni alcuna sofferenza con scherzi maliziosi finalizzati al proprio divertimento. La saggezza di Shàolín prima di tutto insegna il rispetto per la vita in ogni sua forma.

La cosa più importante nella realizzazione degli esercizi è la presa di coscienza della proprie energie psico-fisiche. I Maestri Shàolín insegnano che tutta la nostra energia la ricaviamo da una corretta respirazione. “Respirare significa vivere. Il flusso della nostra vita lo possiamo dirigere nel nostro corpo e rifornire di energia tutti i muscoli. Perciò il controllo della respirazione è la premessa per il controllo del corpo”.L’energia ottenuta con la respirazione si chiama Qì (Cinese: 氣), essa è la fonte della salute e della forza fisica. Per rafforzare questa energia il Baby Shàolín Kung-fu insegna ai bambini a riceverla dalla terra, dal cielo e dall’aria, con una respirazione lenta e controllata, concentrandosi sull’atto respiratorio, senza distrarsi per alcuni minuti. Gli studenti imparano così anche ad apprezzare la natura che li circonda e il contatto armonico con i suoi elementi. Con gli esercizi del Baby Shàolín Kung-fu  i bambini imparano poi a trarre vantaggio dal controllo della propria energia interna, per fortificare il proprio corpo e la propria resistenza psico-fisica. In effetti a Shàolín si pensa che chi non pratica l’arte del respiro, non potrà mai raggiungere un alto grado nel Kung-fu. Come dice il proverbio: “Praticare Kung-fu senza praticare Qì-gōng (Cinese:氣功) equivale a non praticare alcun Kung-fu”. A quanto pare per lo sviluppo di un alto livello di Kung-fu, questi esercizi così lenti, sono più importanti delle spettacolari acrobazie talmente apprezzate in occidente. In effetti, la padronanza delle proprie energie, aiuterà nel futuro i bambini in ogni campo di attività. Attraverso la pratica degli esercizi del Baby Shàolín Kung-fu sapranno riconoscere la veridicità e l’utilità del proverbio: “Dove investi la tua energia, lì ottieni risultati”.

Ciò che affascina i bambini è l’avventura, perché la sete di sapere è naturale in loro. È possibile in un modo divertente, arricchire la loro cultura, con una curiosa e utile esperienza proveniente dalle discipline orientali.

Le discipline orientali, come lo Yoga e le arti marziali, prendono in considerazione, non solo lo sviluppo fisico dell’individuo, ma anche quello psichico. Il controllo della mente e delle sensazioni generate dagli stimoli esterni, impostata sui concetti morali più elementari, porta i bambini al graduale sviluppo integrale della personalità. Dai risultati, quindi, possiamo capire che le discipline orientali, sono propedeutiche al sano sviluppo dell’individuo, sia dal punto di vista sociale che spirituale. Spesso diciamo che i bambini sono il futuro della società, per questo la loro educazione deve contenere gli elementi importanti che il Baby Shàolín Kung-fu  riconosce come principi:

  • 1) il rispetto,
  • 2) l’umiltà,
  • 3) la perseveranza,
  • 4) il riconoscere le buone qualità degli altri,
  • 5) il mantenersi puri negli atti, nelle parole e nei pensieri,
  • 6) la devozione,
  • 7) l’onestà,
  • 8) la cooperazione e
  • 9) la compassione.

Nel monastero di Shàolín questi obiettivi si realizzano in modo simultaneo attraverso la pratica della disciplina che prima di tutto raggiunge degli scopi intermedi e specifici.

Per incanalare le energie dei bambini, l’acquisizione della tecnica del Baby Shàolín Kung-fu  è il mezzo ideale perché combina il gioco con la disciplina psicomotoria (per esempio gli esercizi di imitazione degli animali e l’acrobatica). In modo divertente i bambini assimilano le regole di base della conservazione dell’energia e imparano a conoscere le proprie capacità motorie diventandone pienamente consapevoli.

Secondo la filosofia Shàolín, è necessario che gli studenti abbiano una presa di coscienza dei propri limiti. Solo quando si ha una diagnosi chiara della malattia si può prescrivere la giusta cura, così solo una visione realistica di sè stessi può dare lo stimolo per superare i propri limiti attraverso gli esercizi specifici consigliati dall’esperienza del Maestro. La vera acquisizione dell’arte del Baby Shàolín Kung-fu  non consiste soltanto nel padroneggiare le forme esterne, ma soprattutto i principi e la filosofia. Il bambino che impara e comprende a fondo l’arte, applicherà questi principi e questa filosofia alla sua vita quotidiana.

.

阿 彌陀佛

Be Sociable, Share!
 

Bad Behavior has blocked 506 access attempts in the last 7 days.