.坐八段錦Ba-Duan-Jin

BA-DUAN-JIN  : “OTTO PEZZI DI BROCCATO ”

Lo Shaolin Ba-duan-jin, il Qi-gong degli “Otto Pezzi di Broccato” è uno dei più antichi esercizi praticati dai monaci Shaolin. Fu creato all’inizio della dinastia Tang dall’eminente monaco Ling-Qiu-Shan, che visse fino all’età di 109 anni. Il venerabile sviluppò la sequenza partendo dal Luohan-shi-pa-fa quan, “Le diciotto tecniche di mano dei discepoli di Buddha”, insegnato da Bodhidharma, perché potesse rappresentare una terapia completa.

La definizione “Otto Pezzi di Broccato” è stata creata per indicare una tecnica composta di otto diversi esercizi, preziosi come il broccato di seta, il tessuto più prezioso che si conoscesse. Venne menzionato per la prima volta in vari testi risalenti all’epoca della dinastia dei Song Meridionali (1127-1279), tra cui alcuni inclusi nel “Canone Taoista”. Alla fine di quella dinastia, il Ba-duan-jin era già così diffuso, che un’opera della metà del dodicesimo secolo, comprendeva un intero capitolo intitolato proprio “Ba-duan-jin”.


Le caratteristiche del Ba-duan-jin sono la semplicità delle posizioni e dei movimenti, oltre alla naturalezza del respiro. È una pratica molto utile per rafforzare il corpo, che possiede anche ottimi effetti preventivi e terapeutici. È adatto per estendere i meridiani e sbloccare tutti i percorsi del Qi nell’organismo. Equilibra l’energia in tutti gli organi interni ed elimina ogni tipo di tensione nervosa o emotiva. Può essere praticata in modi differenti, a seconda dello scopo che ci si prefigge, marziale o terapeutico, o a seconda del tipo di praticante (bambino, anziano, sano o malato). Gli esercizi che lo compongono possono essere eseguiti uno per volta o tutti insieme, uno di seguito all’altro separatamente, oppure uniti in un’unica sequenza.

Esiste anche l’esercizio degli “Otto pezzi di broccato da seduti”, una interessante variante del tradizionale Shaolin Ba-duan-jin eseguito in piedi. È particolarmente indicato per le persone malate o deboli, per gli anziani o per chi è in convalescenza. Questo esercizio non richiede sforzo fisico, ma in cambio dona una nuova carica di energia positiva in grado di dare una svolta decisiva, orientata alla ripresa, anche negli stati patologici più gravi.


In Cina, come negli Istituti ospedalieri più all’avanguardia in tutto il mondo, questa serie di esercizi è utilizzata in ambito clinico per sostenere ed elevare il livello metabolico dei malati allo stadio terminale o dei pazienti affetti da patologie onco-equivalenti. È un eccellente mezzo di prevenzione per moltissime patologie anche degenerative. Sebbene sia una tecnica usata in ambito terapeutico, è da considerarsi ancora oggi popolarmente sconosciuta in occidente, rispetto alla sua variante praticata in piedi. Proprio per questo motivo è meglio imparare e praticare ogni tipo di Shaolin Qi-Gong, compresi il Ba-duan-jin in piedi e il Ba-duan-jin da seduti, sotto la guida esperta di un maestro Shaolin competente nel settore Qi-gong.

.

阿 彌陀佛


Be Sociable, Share!
 

Bad Behavior has blocked 506 access attempts in the last 7 days.